Controllo

Il volante dava un’idea di leggerezza e resistenza che ben rappresentava la macchina, pensava Adam, stringendolo  saldamente mentre l’auto correva all’alba sull’autobahn deserta. Il motore rombava a gran voce, mostrando al mondo la sua potenza, come un leone che ruggisce nella savana.

Era tutta una questione di controllo: il pilota era l’auto e l’auto era il pilota. Nessuna interruzione tra i due corpi, uniti in quell’orgasmo di energia e velocità. Un’intesa perfetta.
Per Adam, ingegnere meccanico di un’azienda automobilistica, il controllo era tutto e tutto era sotto controllo. Ciò che a un occhio inesperto sembrava casuale, lui lo poteva facilmente ingabbiare in algoritmi. Poteva ad esempio prevedere il numero di pezzi difettosi usciti dalla catena di montaggio, così da individuarli ed eliminarli, poteva studiare le tolleranze necessarie ad annullare la variabilità di processo, poteva predire quando sarebbe stata necessaria una manutenzione. Benedetta statistica! Continua a leggere “Controllo”

Riviera

La cabrio rossa divorava la strada, curva dopo curva scendeva verso il mare. Le rocce gialle ai lati, riarse dal sole, erano le uniche testimoni di quella felicità. La voce potente del motore non riusciva a increspare la pace cristallina del mare azzurro e verde che riluceva sotto di loro. Mille schegge d’oro parevano guizzare sulla superficie infinita del mare, piovute da un sole che dominava incontrastato quella costa. La strada sembrava liquida all’orizzonte per il calore della tarda mattinata. Un profumo intenso, che prendeva al cuore. Mare, rosmarini, mirti, ginepri, lentischi, lavande, eriche. Mediterraneo. Continua a leggere “Riviera”