Passaggio

Dalla finestra socchiusa entrava l’aria salata della baia. La mattina era ancora fresca, mossa appena da una brezza gentile, ma già il sole si stiracchiava e avrebbe presto mostrato la sua forza. In lontananza un veliero contro l’orizzonte. Chissà da dove veniva, chissà dove andava.

Theo osservava il mare, come il giorno prima, come sempre. Osservava e sognava, dalla finestra della sua grande camera. La voglia di partire cresceva attorno al suo cuore come un’edera.
Il mare era grande, era infinito e magnifico e terribile. Era tutto ciò che un ragazzo poteva volere: scoperta, avventura, lotta. Era la risposta alle domande che non riusciva a formulare, era l’unico modo di perdersi per potersi ritrovare. L’iniziazione. Il rito di passaggio che tutte le società in tutti i tempi usano per sancire il termine dell’infanzia e l’inizio dell’età adulta.

Continua a leggere “Passaggio”

La storia della storia

C’era una volta a Djar, un piccolo regno remoto e sperduto, un tiranno temibile e avidissimo.

Gli abitanti di quella terra erano completamente sottomessi a lui, che disponeva a suo piacimento della loro vita e dei loro averi. Le leggi erano spietate: per moltissimi reati, anche piccoli, era prevista la pena di morte e, per volere del re, un suddito poteva essere punito anche senza alcun motivo.
Tutti erano poverissimi, a causa delle tasse esagerate che pretendeva il sovrano, e chi non si poteva permettere di pagarle diventava suo schiavo.

Accanto a questa situazione disperata esisteva però un altro mondo: la corte. La corte, più grande e bella di quanto si possa immaginare, era la ricchissima casa della famiglia reale, della nobiltà e degli alti gradi dell’esercito. Non basterebbero cento pagine per descrivere gli ori, i marmi, le sete, le porcellane, le opere d’arte, i tappeti, il mobilio e tutte le altre inestimabili ricchezze, rubate al popolo, che si trovavano nel palazzo del potere.
Qui il re passava le sue giornate, circondato dalle concubine, dagli ospiti e dagli amici. Qui decideva le guerre, che i poveri avrebbero dovuto combattere per lui. Qui riceveva i soldi dei tributi e inventava nuove imposte. Qui era il suo mondo e non ne usciva mai, se non per andare, accompagnato dalle guardie, nel cortile grande come una cittadella.

Continua a leggere “La storia della storia”

Il leone pigro e i suoi furbi fratelli

C’era una volta, nella savana africana, un piccolo gruppo di quatto leoni, fratelli fra loro. Il capobranco era Jelani un leone grosso e potente che incuteva paura a tutti. Gli altri tre erano al suo servizio.

Il peggior difetto di Jelani era la pigrizia; infatti passava le sue giornate sdraiato sull’erba a crogiolarsi al sole oppure a dormire all’ombra di un albero. I fratelli, spossati dalla lunga caccia dovevano sempre aspettare che Jelani avesse mangiato i pezzi migliori delle loro prede uccise da loro, prima di potersi dividere gli avanzi.

Passarono i mesi e gli anni e Jelani invecchiava diventando sempre più tirannico, pigro e debole, mentre i fratelli si mantenevano in forma con la caccia. Il loro odio nei suoi confronti cresceva sempre più. Un giorno, osservandolo poltrire si fecero coraggio ed escogitarono un piano per liberarsi finalmente di lui.

Continua a leggere “Il leone pigro e i suoi furbi fratelli”