Il bosco

Si svegliò di soprassalto per il rumore di un tuono. Il cuore gli batteva forte, gli occhi frugavano il buio. Un rumore di pioggia battente risuonava nella notte. Piano piano la casa assunse le sue forme consuete, il ritmo cardiaco i suoi giusti tempi.

Sentì sbattere le persiane della finestra della sala, per il forte vento: le aveva dimenticate aperte. Uscì dalle coperte, attraversò la casa fredda e si diresse verso la finestra. Mentre si avvicinava, l’ansia si faceva strada: era proprio quella che dava sul bosco proibito.

Attraversò la sala, a arrivò davanti ai vetri chiusi, al di là dei quali le due ante della persiana ondeggiavano qua e là, in balia della tempesta. Davanti poteva scorgere l’immensa massa scusa del bosco. Un fulmine strappò il cielo illuminando ogni cosa per un momento. Gli apparvero le terribili sagome degli alberi antichi, ricurvi, fitti, minacciosi. Quali ombre si aggiravano tra loro?

Rimase immobile, agghiacciato all’idea di dover aprire la finestra, rimanendo in piena notte faccia a faccia con la foresta e i suoi misteriosi abitanti. Non erano che poche decine di metri a separare la casa dall’inizio di quel terreno spaventoso.

Mai, mai e poi mai sarebbe potuto entrare lì dopo il tramonto. Questo gli era stato insegnato da suo padre, che l’aveva imparato che suo nonno, a cui era stato detto da suo bisnonno e via dicendo, indietro negli anni e nei secoli. Nessuno sapeva cosa accadeva là dentro. Ombre, urla, tenebra.

Decise di tornare a letto. Gli parve di sentire un lamento di bestia provenire da lontano, spaventoso come una notte senza luna. Un brivido gli attraversò la schiena.

Il bosco era lì, accanto alla casa, minaccioso come sempre. Ne avvertiva la pesante vicinanza, come di un confine pericoloso e sconosciuto, oltre il quale albergava il buio. Nella sua vita, mai aveva osato venir meno a quanto gli era stato insegnato, mai aveva varcato quel limite.

Nessuno sapeva cosa si nascondesse là dentro, ed era proprio questo a terrorizzarlo. Perché niente è più spaventoso di ciò che non si conosce.

Wilderness

Cammino sul bordo del fiume, salendo sulle rocce, scansando gli arbusti. Scaccio gli insetti che si alzano in volo e faccio attenzione che non ci siano serpenti sulla mia strada.

Mi muovo lentamente dove l’acqua incontra la terra, cercando di indovinare il percorso più facile, evitando le pozze che si insinuano tra le pietre. Lingue di sabbia si alternano a piccole scogliere. Se sono asciutti ci cammino sopra, godendo della loro morbidezza, se sono bagnate invece le evito, per non sprofondare. Quando non mi è possibile, ne tasto al consistenza col piede prima di avanzare. Talvolta la strada si fa troppo accidentata o la vegetazione eccessivamente fitta per procedere e allora torno indietro alla ricerca di un altro passaggio.

Continua a leggere “Wilderness”

La mia pineta

La pineta fatata
mi si stendeva davanti
con i suoi alberi antichi,
i suoi riflessi acquosi
pieni di rane e di falaschi,
con la sua ombra fresca e immensa.

Vi entravo con rispetto assoluto
per ritrovare la mia anima
in quel bosco senza tempo.

Lì perdevo ogni senso,
nel vortice infinito di verde.

Mi facevo bosco io stesso
e tutto era in pace. 

 
POESIA VINCITRICE DEL TERZO PREMIO AL CONCORSO SCRITTURE DA STRADA – III ED. 2018