Lettera al capitale

Li raderei al suolo
I tuoi palazzi vuoti
Dove sconto la colpa d’Adamo
Coi miei anni migliori

Condotto in catene di carta
Come bestia sacrificata
All’altare del progresso
Sul fuoco del consumo

Chiamano vita questa prigione
Dalle marce fondamenta
Ferie la nostra ora d’aria
Tra malinconiche mura

Li raderei al suolo
Se solo bastasse
A non essere più schiavi
A diventare uomini

 

Sa Pedra Magica

Saverio, come tutte le mattine, aveva attraversato una Milano nebbiosa, non ancora intrappolata dal traffico convulso, ed era arrivato in ufficio di buon’ora, ben prima dei suoi dipendenti.

L’azienda che il padre gli aveva lasciato era la sua vita. In fondo non aveva nient’altro da quando lei se ne era andata. Il suo mondo si era ristretto sempre più, fino a stargli aderente addosso, mentre intorno a sé creava un immenso deserto. Nessun amico, nessun interesse: solo tanta solitudine. Continua a leggere “Sa Pedra Magica”

NEWS! 13/02 Presentazione del libro

Il prossimo mercoledì 13 febbraio alle ore 17.00 nella splendida cornice liberty di Villa Argentina a Viareggio ci sarà la presentazione del libro Il Giardino sulla spiaggia. Racconti da un lontano viaggio interiore. 

Per l’occasione della presentazione sarà possibile acquistare il libro al prezzo speciale di 5 € direttamente all’interno dell’evento. Al termine della presentazione rimarrò a disposizione per firme e dediche e per scambiare quattro chiacchiere con chi vorrà.

Relatore: Prof. Giuseppe Paoli

Gabriele Levantini

NEWS! Frequenza delle pubbicazioni

Il 2018 è stato un anno molto intenso per Il Giardino sulla Spiaggia e le pubblicazioni del lunedì hanno avuto un discreto numero di lettori!
È finalmente uscita la raccolta delle prime storie del blog (se non l’avete ancora comprato potete recuperare qui oppure qui se vuoi la versione autografata!) e molti altri progetti bollono in pentola… 

Per questo motivo, per riuscire a lavorare su dei testi di più ampio respiro,  le prossime pubblicazioni di racconti non sempre rispetteranno l’appuntamento quindicinale.

Restate collegati… ne vedrete delle belle!

 

Gabriele Levantini

La fenice

Io sono la fenice
Dalla cenere risorgo

Sono il guerriero
Che non teme la morte

Sei volte cado
Sette mi rialzo

Con le ossa rotte
Continuo a lottare

Il fato iniquo mi troverà
Con la spada in pugno
Arrossato dall’ultimo sangue

Finché avrò un respiro di volontà
Sfiderò i marosi della cieca sorte
In questa buia tempesta
Chiamata vita.

premio speciale della giuria al Premio di Poesia “Il Sublime – Golfo dei Poeti” – II Ed., 2018

Vola via con me

Vola via con me
Vola sul mio oceano
Vola sulle mie montagne
Sui fiumi, sulle pianure

Voliamo insieme
Al di sopra della pace e della guerra
Voliamo in alto
Lontani da questo mondo di pietra

Danzeremo sulle nuvole
Vicino al sole
Saremo io e te
Cuore nel cuore
Anima nell’anima 

Wanderlust

Pedalavo più in fretta che potevo, per spingermi più lontano e scoprire ancora e ancora. Avevo 14 anni e il mio breve pomeriggio primaverile stava per terminare: non c’era tempo da perdere, presto sarei dovuto tornare indietro e rincasare prima dell’ora di cena. Continua a leggere “Wanderlust”

Se solo…

Se solo potessi prendere il sole
Per scaldarti il cuore
Nei giorni di vento 

Se solo riuscissi a porgerti la luna
Per illuminare la tua pelle morbida
Nelle notti d’un agosto di passione

Se potessi farmi vento per accarezzare
Il tuo viso di bimba
Spesso salato di lacrime 

Se solo potessi fermare il tempo
Per vivere ancora insieme quest’istante perfetto
Senza paura che muoia come un battito d’ali
D’effimera farfalla 

 

 

Natale al Golden India Minimarket

[DISCLAIMER: Attenzione! Questo non è il racconto di Natale che probabilmente ti aspetteresti! Questo è un racconto di genere noir!]

Continua a leggere “Natale al Golden India Minimarket”