Il demone

Mi ero ripromesso di iniziare a vedere quella serie tv di cui parlano tutti. Ormai sono mesi che ho le puntate salvate sul pc, ma non mi ci sono mai messo.

Sei sempre il solito, John, inizi le cose e poi non le finisci. Guardi sempre avanti, sì. Ma senza guardare dove metti i piedi e così finisci nel burrone. Stupido! È questo che ti mette ansia.

Già, l’ansia… Ecco perché ho dormito male, ho passato una giornataccia a lavoro e adesso non ho voglia di fare niente. Non mi sento neppure troppo bene: ho un po’ di mal di testa e lo stomaco incasinato.
Quindi non guarderò quella maledetta serie, nemmeno stasera. Né andrò a fare una passeggiata o, men che mai, un po’ di jogging al parco. Eppure ne avrei un gran bisogno: mi sgombrerebbe la mente dai tanti fardelli con i quali la carico. Lascerei scorrere i miei pensieri, liberi, fino a farli uscire fuori dal mio cervello. Finalmente. La mia dose di Nirvana per oggi.

E invece no. Ti sei fatto mille problemi perché lei ha meno slancio di te verso il futuro. Non capisci che ha solo i suoi tempi, i suoi problemi, i suoi fantasmi. Come tutti. Stupido!

Così ieri sono andato a dormire rimuginando sul perché e sul percome, lasciando che il vecchio demone dell’ansia mi masticasse la testa. Alla fine mi sono addormentato, ma poi, a notte fonda, mi sono svegliato e lui era lì.

Ironia della sorte: proprio io, che guardo i film horror senza alcuna paura, mi ritrovo un cervello che evoca i fantasmi da solo.
Lo so che sei solo un prodotto della mia neurocorteccia, solo segnali elettrici confusi dentro la testa. Illusione ipnagogica.

Tutto sommato, un fenomeno interessante! Mi sarebbe piaciuto parlarne a Perry, che sa tutto e avrebbe certamente saputo darmi qualche buon consiglio, di quelli che mi calmano. Almeno per un po’. Oltre, naturalmente, all’ultima partita dei Lakers! Ma purtroppo il nostro appuntamento è saltato causa impegni.

E qui si torna al punto di partenza, John: le cose che saltano. Come la serie tv, ad esempio.

Prometto che domani la guarderò. Ora è tardi, vado a dormire: tra poco arriva il demone, poi la sveglia.

E si ricomincia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.